mercoledì, 14 novembre 2018
Banner AIRC

Riflessioni

Viviamo in un’ epoca difficile dove arrivare a fine mese è già una grande conquista, le calamità naturali che incombono con la ferocia di “un orco cattivo”e non dimentichiamo gli attacchi terroristici dove un giorno vivi sereno e il giorno dopo leggi o senti che è stato colpito un altro Paese.
Che cosa sta succedendo?
Sarebbe semplice dare una risposta a questa mia domanda ma mi rendo conto che è molto difficile.
Per alcune tematiche sopra citate, mi viene in mente un grande cantautore italiano Rino Gaetano.
Indimenticabile per chi lo ha vissuto dal 1973 al 1981 e per chi lo vive ancora oggi nel 2017 attraverso la sua musica.
Così decido di cercarlo su YouTube e ascoltarlo.
Ho sempre ballato la sua canzone Ma il cielo è sempre più blu ma non ho mai riflettuto sul senso delle parole.
Ascolto quella canzone e decido di trascrivere il testo, che leggerete a seguire.
“Chi vive in baracca, chi suda il salario
Chi ama l’amore e i sogni di gloria
Chi ruba pensioni, chi ha scarsa memoria
Chi mangia una volta, chi tira al bersaglio
Chi vuole l’aumento, chi gioca a Sanremo
Chi porta gli occhiali, chi va sotto un treno
Chi ama la zia, chi va a Porta Pia
Chi trova scontato, chi come ha trovato
Na na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu
Ma il cielo è sempre più blu
Chi sogna i milioni, chi gioca d’azzardo
Chi gioca coi fili chi ha fatto l’indiano
Chi fa il contadino, chi spazza i cortili
Chi ruba, chi lotta, chi ha fatto la spia
Na na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu
Il cielo è sempre più blu
Chi è assunto alla Zecca, chi ha fatto cilecca
Chi ha crisi interiori, chi scava nei cuori
Chi legge la mano, chi regna sovrano
Chi suda, chi lotta, chi mangia una volta
Chi gli manca la casa, chi vive da solo
Chi prende assai poco, chi gioca col fuoco
Chi vive in Calabria, chi vive d’amore
Chi ha fatto la guerra, chi prende il sessanta
Chi arriva agli ottanta, chi muore al lavoro
Na na na na na na na na na na
Ma il cielo è sempre più blu
Il cielo è sempre più blu
(Ma il cielo è sempre più blu)
Chi è assicurato, chi è stato multato
Chi possiede ed è avuto, chi va in farmacia
Chi è morto di invidia o di gelosia
Chi ha torto o ragione, chi è Napoleone
Chi grida “al ladro!”, chi ha l’antifurto
Chi ha fatto un bel quadro, chi scrive sui muri
Chi reagisce d’istinto, chi ha perso, chi ha vinto
Chi mangia una volta, chi vuole l’aumento
Chi cambia la barca, felice e contento
Chi come ha trovato, chi tutto sommato
Chi sogna i milioni, chi gioca d’azzardo
Chi parte per Beirut e ha in tasca un miliardo
Chi è stato multato, chi odia i terroni
Chi canta Prévert, chi copia Baglioni
Chi fa il contadino, chi ha fatto la spia
Chi è morto d’invidia o di gelosia
Chi legge la mano, chi vende amuleti
Chi scrive poesie, chi tira le reti
Chi mangia patate, chi beve un bicchiere
Chi solo ogni tanto, chi tutte le sere
Na na na na na na na na na na
(Ma il cielo è sempre più blu)”
Rino Gaetano denunciava la condizione sociale e non solo degli italiani del periodo storico in cui è vissuto.
Oggi 2017 poco è cambiato, questo post non vuole essere una polemica ma una riflessione.
Come cantava il grande Rino Ma il cielo è sempre più blu.