mercoledì, 14 novembre 2018
Banner AIRC
Home / Sociale & Società / Cellule ISIS nascoste all’interno di Al Rukban Refugee Camp, al confine tra Siria e Giordania

Cellule ISIS nascoste all’interno di Al Rukban Refugee Camp, al confine tra Siria e Giordania

Lungo il confine che divide la Siria dalla Giordania, in mezzo al deserto, si trova Al Rukban Refugee Camp, un mega-campo di rifugiati che ospita circa 80.000 siriani.
Ufficialmente il campo si trova in una zona demilitarizzata ma in realtà, secondo quanto riportato da NBC News, al suo interno si sono nascoste alcune cellule dell’ISIS.

Il generale Sami Kafawin, comandante dell’esercito giordano,  ha dichiarato a NBC News che nel campo sono nascoste  armi di piccolo calibro, RPG e armi anti-aerei.
Il campo è considerato dai militanti ISIS come un rifugio sicuro a causa degli scarsi controlli, della paura dei profughi, non molto inclini a denunciare i terroristi per timore di ritorsioni e perché la Giordania, che attualmente ospita circa 1 milione e 260 mila siriani, ha bloccato l’assistenza umanitaria all’interno del campo dopo aver chiuso l’intero confine con la Siria.
Le condizioni all’interno del campo sono disperate.
Le ONG non possono entrare nel campo, l’unico ente autorizzato è rappresentato dalle Nazioni Unite, che tramite una gru situata in territorio giordano, consegna mensilmente generi alimentari e medicine.
A ciò si aggiungono i continui attentati contro le basi militari vicino al campo.
Anche all’interno del campo si svolgono scontri giornalieri.
Tale situazione ha portato il governo Giordano a dichiarare l’area come zona militare chiusa.
Secondo Kafawin circa 4 mila persone ospitate nel campo potrebbero essere militanti ISIS.
Il governo siriano ha perso il controllo di questa zona qualche anno fa.
Attualmente è controllata in parte dai militanti dell’ISIS ed in parte dai ribelli opposti al regime del presidente Bashar al-Assad.